Share on Pinterest

Abbiamo intervistato Gianfranco Mione, numero uno della squadra PPR Team, ex triatleta al vertice, che ci ha parlato della sua “creatura”. Il suo motto? “Da soli si va veloce, ma insieme si va più lontano”.

Prima di addentrarsi nel PPR Team che è solo una parte di PPR World, cioè tutto quanto sta intorno al team che gareggia e primeggia nelle gare Ironman, Mione parla della sua esperienza, di quando nel 1989, a meno di vent’anni, con il triathlon che era ancora una disciplina poco conosciuta, comprese che la vita d’ufficio non faceva per lui.

Triatleta della squadra PPR Team che pedala durante l'Ironman

Triatleta della squadra PPR Team che pedala durante l’Ironman su bici Cipollini NKTT 2020.

Gianfranco Mione: triatleta e manager

Gianfranco, pallanuotista a Torino, in acqua ci sapeva fare, la base sulla quale costruire una buona frazione di corsa c’era, ma andava aggiunto il ciclismo. E poi diciamo la verità: non che il triathlon permettesse grandi guadagni, meglio avere uno stipendio fisso da disegnatore meccanico di quanto potessero portare nuoto, bici e corsa.

Per inseguire un sogno, però, oltre al talento, è importante un colpo di fortuna. Mione è espansivo, l’entusiasmo è contagioso, la dedizione allo sport quasi totale, così un imprenditore torinese che si occupa di distribuzione di cuscinetti per auto, Gianfranco Petrini, lo incita ad andare avanti.

Il ragazzone torinese si impegna, accanto alle fatiche in allenamento aggiunge gli studi in marketing, utili a comprendere come ottenere risorse e amministrare una società.

Dapprima fonda BigOne Team 3, che diventa Peperoncinoteam.it quando l’azienda produttrice di aminoacidi decide di lasciare.

Anche questo è solo uno step, perché Mione nel 2015 cambia ancora: la nuova creatura verrà chiamata con le prime tre lettere del codice fiscale: PPR, alle quali aggiungere Team.

Un triatleta PPR Team che corre durante l'ultima frazione dell'Ironman

Un triatleta PPR Team che corre durante l’ultima frazione dell’Ironman calzando scarpe Hoka.

La struttura di PPR Team

Che sia stato pluricampione italiano di triathlon, che abbia vestito la maglia della Nazionale, che negli Anni Novanta fosse uno degli atleti italiani più conosciuti e che abbia sfiorato la partecipazione alle Olimpiadi di Sidney 2000, non è un dettaglio.

Ma non è neppure la cosa più importante, perché per fondare un team di successo, serve anche altro. La competenza manageriale, per esempio.

[Triathlon.BiciLive.it]: Ciao Gianfranco e benvenuto su BiciLive.it. Parliamo del PPR Team: ha una sede?
[Gianfranco Mione]: Grazie e un saluto a tutti i lettori. Sì, a Torino, per ora in via Capua, ma presto ci ingrandiremo. Abbiamo individuato uno spazio più grande e accogliente dove poter sviluppare altre attività collegate al nostro mondo con l’obiettivo di diventare un vero punto di riferimento e di incontro per il settore sportivo e commerciale. Una soddisfazione per tutti noi.

[Triathlon.BiciLive.it]: Gianfranco Mione è il presidente…
[GM]: Sì, abbiamo anche altre figure che partecipano attivamente alla vita del Team, a iniziare da mia moglie Maria Vittoria, presente in tutte le nostre scelte e coinvolta su tante attività commerciali parallele. Restando in famiglia poi ho un consigliere sempre più autorevole in mio figlio GianMaria che mi è di aiuto durante la definizione delle maglie e divise grazie alla sua visione giovane e moderna.

Al nucleo familiare si aggiungono i collaboratori storici che giornalmente mi affiancano e condividono fatiche e gioie sociali e mi riferisco a Roberto Russo che sviluppa in autonomia i rapporti con gli atleti e gli sponsor ed è sempre attento a nuove opportunità e tendenze, Luca Conte che segue i tesseramenti e la burocrazia legata alle federazioni e Aldo Micco ormai dislocato molti mesi al Forte Village in Sardegna, che segue i rapporti fornitori/dipendenti e riferisce direttamente a me che sono spesso occupato in altre situazioni e in altre location.

Ognuno ormai si occupa nello specifico della propria area, ma sempre in totale condivisione con tutti gli altri. Per quanto riguarda l’aspetto agonistico invece i nostri responsabili tecnici sono: Alessio Leone, Fabio D’Annunzio e Luc Van Lierde.

La triatleta che pedala durante l'Ironman

[Triathlon.BiciLive.it]: Siete una Associazione Sportiva Dilettantistica?
[GM]: Ancora per poco, a breve cambieremo statuto.

[Triathlon.BiciLive.it]: PPR Team è…
[GM]: Quando si parla di Ironman, la specialità più affascinante del triathlon, siamo tra le società più conosciute al mondo: non abbiamo solo atleti italiani, anzi gli investimenti fatti ci premiano e ci rendono attrattivi sia per chi pratica la nostra disciplina sia per le aziende.

[Triathlon.BiciLive.it]: Già, le aziende… Aziende con le quali instaurare non rapporti di mera sponsorizzazione, ma di vera e propria collaborazione…
[GM]: Proprio così, non ha senso chiedere soldi per un nome sulla maglietta, ho sempre ritenuto giusto che si metta a disposizione la competenza reciproca. Da parte nostra gli atleti e l’esperienza maturata negli anni, da parte loro il know-how in modo da migliorare i prodotti che ci sono sul mercato: in pratica delle sinergie.

[Triathlon.BiciLive.it]: Partiamo dal rapporto con la società Diamant?
[GM]: Con loro abbiamo un rapporto molto stretto. In particolare con il gruppo Zecchetto siamo in contatto giornalmente, tutto è iniziato con il punto vendita al Forte Village in Sardegna che è monomarca Cipollini, da quel momento si sono sviluppate numerose iniziative, dalla progettazione di scarpe DMT (come la calzatura DMT KT1 presentata sulle nostre pagine, NdR) a molteplici iniziative di marketing.

Non dobbiamo dimenticare l’azienda Alè, produttrice di abbigliamento sportivo. Con loro abbiamo collaborato per la progettazione della collezione triathlon e non solo.

Pensiamo insieme le grafiche e devo dire che oggi siamo un riferimento di innovazione e tendenza. Per noi è importante sviluppare empatia e costruttiva collaborazione con i nostri partners e devo dire che abbiamo un pool di aziende eccezionale da questo punto di vista oltre che leader del settore.

I Body da ciclismo della squadra PPR Team 2020

Le divise da ciclismo della squadra PPR Team.

[Triathlon.BiciLive.it]: Come avete sviluppato la calzatura?
[GM]: La calzatura Ironman è proprio un tipico esempio di come intendiamo noi il rapporto fra azienda e team. Infatti l’azienda mette a disposizione la propria capacità produttiva e la conoscenza tecnica dei materiali, mentre compito nostro è proporre idee e soluzioni riguardanti l’uso specifico del prodotto, ma non solo, ci attiviamo per offrire all’azienda proposte commerciali per distribuire il prodotto una volta pronto. Per questo attiviamo sinergie con altri mondi già da noi presidiati in altre situazioni.

[Triathlon.BiciLive.it]: Avete uno shop all’interno del Forte Village, un’icona del turismo di lusso in Sardegna…
[GM]: Avere un nostro negozio all’interno del Forte Village non è solo una questione commerciale, ma pure di prestigio, se vuoi è un riconoscimento alla qualità dei nostri prodotti e la dimostrazione che i risultati dei nostri atleti sono apprezzati da tutti. Non si tratta solo di un semplice negozio, ma di un punto di riferimento per tutte le attività sportive riguardanti il mondo ciclismo e triathlon con academy sportive e training “one to one”.

[Triathlon.BiciLive.it]: I vostri prodotti non li vendete solo negli shop…
[GM]: No, abbiamo anche lo shop on line dedicato ai nostri tesserati che sono numerosissimi e distribuiti sul territori nazionale. Abbiamo tre società sportive: triathlon, ciclismo e running quindi si può immaginare il grande bacino di utenza che si rivolge al nostro sito.

[Triathlon.BiciLive.it]: Gianfranco, se parlo di PPR Team il riferimento è all’aspetto agonistico, se dico PPR World invece…
[GM]: Se parliamo di PPR World, come dice la parola stessa si apre un mondo. Sintetizzando, grazie all’esperienza PPRTeam ci espandiamo in altri mondi facendo sinergie fra sport, aziende, esperienze e contatti personali.

Quindi, parliamo di attività commerciali con PPRFACTORY SRL legate ai prodotti dei nostri sponsor, come anche di attività legate al turismo (la presenza da molti anni al Forte Village è un esempio, NdR), ma ci stiamo attivando con una struttura appositamente studiata per entrare in modo più efficace anche in altre situazioni.

Abbiamo creato un’agenzia certificata che si occuperà proprio di offrire e organizzare proposte sportive e di vacanza, proprio come un tour operator. Ci sono poi altri progetti di marketing estremamente innovativi legati alle aziende del settore nel quale operiamo, ma non posso ancora anticipare troppo. Poi con mio figlio che si sta impegnando nello sci, potrebbe aprirsi in questo settore una nuova opportunità.

La triatleta Margie Santimaria che pedala durante l'Ironman su bici MCipollini con ruote Deda

La triatleta Margie Santimaria che pedala durante l’Ironman su bici MCipollini con ruote Deda.

[Triathlon.BiciLive.it]: La squadra ha degli sponsor?
[GM]: Abbiamo diversi sponsor ma ci tengo a precisare che sono soprattutto amici. Il gruppo Zecchetto con i marchi DMT e MCipollini; Alè abbigliamento grazie ad Alessia Piccolo; GMI servizi e CIBO’ con l’amico Giò; Ciclo Promo Component (amicizia trentennale con i fratelli Campagnolo, con i marchi Bryton, Maxxis e Anima); Mistral Tour; Wedoo, agenzia di comunicazione con l’amico Alberto.

[Triathlon.BiciLive.it]: Ma so che ne avete altri…
[GM]: Certo, tutti prestigiosi: Cellfood, Slam, Edilcase, Fratelli Agosta, Csi, Casa Radicci, Race One, Compex, Selle Italia, Omz, Briko, la bibita energetica Beebad (sponsor della Juventus), Gruppo Studio Consulting, Fortevillage Resort, Csi Safe Living, Autocrocetta BMW.

[Triathlon.BiciLive.it]: Come si entra nel team? So che scegliete gli atleti di punta: gli altri, invece?
[GM]: Per quanto riguarda i triatleti Pro, vengono scelti oltre che per la nostra esperienza, anche grazie a osservatori che abbiamo in giro per il mondo. Persone di nostra fiducia che ci consigliano gli atleti che poi mettiamo sotto osservazione. Di seguito ne parliamo con i nostri sponsor e definiamo i programmi insieme.

Per quanto riguarda invece il mondo amatoriale chiunque può mettersi in contatto con la nostra struttura e tesserarsi sia nel triathlon sia nel ciclismo e running, entrando così nel nostro universo e chissà un giorno di entrare nel mondo Pro. Una citazione a parte merita il nostro movimento ciclistico che grazie all’impegno di Paolo Casassa sta diventando di stagione in stagione sempre più importante.

Oggi abbiamo un folto gruppo di tesserati amatori di buon livello che si cimentano nelle Granfondo più importanti, un gruppo importante di persone con tesserati che provengono da mondi imprenditoriali e professionali, spesso miei amici personali che condividono questa splendida attività e che a volte mi ha visto anche ai nastri di partenza con loro.

[Triathlon.BiciLive.it]: Gli allenamenti sono collettivi o individuali?
[GM]: Per quanto riguarda il mondo Pro, ogni atleta è lasciato libero di allenarsi come ritiene opportuno, mentre per gli altri abbiamo una struttura che si occupa di programmi e appuntamenti settimanali. In particolare da quest’anno è nata la collaborazione con uno dei più noti atleti a livello mondiale come Luc Van Lierde, una vera icona del triathlon. Grazie a lui e al nostro coach di riferimento in Italia Alessio Leone, esistono degli allenamenti collettivi per ora a Torino, ma contiamo di crearne in altre zone.

La triatleta Margie Santimaria che corre durante L'Ironman

La triatleta Margie Santimaria impegnata nella frazione di corsa durante l’Ironman.

[Triathlon.BiciLive.it]: Con gli atleti di vertice partecipate alle gare più importanti del calendario mondiale. E con gli altri?
[GM]: I programmi con gli atleti Pro sono concordati a inizio anno, mentre gli amatori sono liberi di partecipare a qualsiasi programma gare. Da quest’anno grazie al Tour operator potremo coordinare anche trasferte di gruppo e stage di allenamento. Voglio aggiungere che gli atleti Pro collaborano attivamente anche per quanto riguarda l’attività di tour operator, partecipando agli stage “one to one” con i nostri clienti.

Questo è un vero servizio di eccellenza riguardante gli appassionati del mondo triathlon, avere la possibilità di allenarsi personalmente con i nostri atleti e atlete (siamo particolarmente attenti al mondo femminile grazie alla nostra atleta Margie Santimaria) in location esclusive, rappresenta un plus difficilmente reperibile sul mercato.

[Triathlon.BiciLive.it]: Ultima domanda. PPR Team, come abbiamo detto, è una società molto organizzata. Avete collaboratori che producono video da pubblicare sui social network?
[GM]: Questo è un argomento per noi di grande interesse. Per questo motivo abbiamo creato un servizio appositamente dedicato. Grazie a professionisti del settore come Patrick Delorenzi, abbiamo produzioni di video e clip. Quest’anno siamo andati direttamente a Kona per i mondiali e abbiamo prodotto video non solo per noi, ma anche per altri atleti che ci hanno richiesto questo servizio.

Voglio ricordare, inoltre, che i canali social sono per noi molto importanti e sono gestiti anche in questo caso da professionisti della comunicazione e non lasciati al caso. Infatti esiste una vera e propria programmazione che grazie al lavoro di Francesco Campana ci pone in gran risalto giornalmente su tutti i canali disponibili.

Share on Pinterest

A proposito dell'autore

Appassionato di ciclismo, non si perde un Mondiale dalla vittoria di Moser a San Cristobal nel 1977. Adora le classiche di un giorno e le tappe di montagna dei grandi giri. Come tutti ha una bicicletta... e cerca di tenerla in garage il meno possibile.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata