Triathlon, Lago di Lavarone e Alpe Cimbra protagoniste del week-end compreso tra sabato 31 agosto e domenica 1 settembre 2019. Infatti, la società 33 Trentini Triathlon organizza la sesta edizione del Tri Week Lavarone, manifestazione che prevede due eventi agonistici.

Sabato 31 agosto 2019 è in programma nel cuore dell’Alpe Cimbra un triathlon olimpico breve per bici da corsa e, il giorno successivo, si terrà un triathlon cross country. Entrambe le gare, nelle quali la prima frazione si nuoterà nelle acque del Lago di Lavarone, sono gare rank (per classificati).

Andiamo a conoscere tutti i dettagli della manifestazione.

Triathlon di Lavarone

Triathlon di Lavarone uscita nuoto.

Triathlon Olimpico e Cross di Lavarone 2019

Situato a mille metri di quota sull’altopiano omonimo al confine tra Trentino e Veneto, il lago di Lavarone è uno specchio d’acqua freschissima circondato da boschi secolari.

La zona è stata contesa a lungo durante la prima guerra mondiale da austriaci e italiani e sul posto rimangono testimonianze storiche come forti e avamposti militari, ma soprattutto centinaia di chilometri di strade forestali e sentieri che, concepiti per carri trainati da muli, hanno la pendenza ideale per la mountain bike e la corsa.

Le moderne battaglie di cui vi parliamo sono solo sportive per fortuna: il Tri Week Lavarone 2019 è infatti una bella sfida sia in versione Olimpica, programmata per sabato 31 agosto 2019 (con 1,5 km di nuoto, 40 km di bici e 10 km di corsa), sia in versione Cross il giorno seguente, domenica 1 settembre 2019 (con 1 km di nuoto, 25 km di mountain bike e 7 km di trail running).

triathlon Lavarone 2019

Una fase concitata del nuoto durante il Triathlon di Lavarone.

Tri Week Lavarone 2019: il triathlon Olimpico di Lavarone

La partenza è presso una delle due spiagge attrezzate del lago sul lato nord, il lido Bertoldi; dopo 1500 metri a nuoto su tre giri senza uscita (il lago è infatti piuttosto piccolo) gli atleti escono sul lato sud verso la zona cambio T1 ricavata nel grande prato.

La muta è quasi sempre obbligatoria viste le temperature.

Di qui si parte per quattro giri in bici da corsa di circa 10 km che toccano la pittoresca frazione di Oseli con giro di boa al Parco Palù.

Il giro è vallonato con circa 600 metri di dislivello positivo e non necessita di bici da crono e nemmeno di prolunghe poiché è piuttosto tortuoso. Sicuramente i ciclisti lo troveranno divertente e sfidante, ma gli altri non si annoieranno.

Anche la frazione podistica è piuttosto movimentata con circa 200 metri di dislivello positivo. Il percorso muscolare certamente sarà impegnativo ma appagante; dall’uscita della T2 ci si dirige su strada fino al Museo del Miele, poi si prende il sentiero della Pace fino al Parco Palù per il giro di boa; rientro sempre movimentato dalla frazione Bertoldi e poi picchiata all’arrivo posto sulle rive del lago.

Nel 2018 si è corso sotto un diluvio torrenziale e ha vinto, in meno di due ore e 10 minuti, l’ironman trentino Alessandro Degasperi, già due volte vincitore dell’impegnativo Ironman di Lanzarote. Tra le donne prima la junior Carlotta Bonacina in poco meno di due ore e 40 minuti.

I tempi indicano che si tratta di una gara impegnativa, ma che arriva quasi a fine stagione e quindi non troverà i triathleti impreparati.

Tra i vincitori anche Massimo Cigana, ex gregario di Pantani da anni dedito al triatlhon, e l’olimpionico Davide Uccellari.

Apertura zona tecnica (zona T1/T2) presso il lido Marzari  dalle 10:30 alle 11:30; a seguire briefing tecnico e alle 12:00 di sabato 31 agosto 2019 la partenza della prima batteria.

triathlon Lavarone partenza nuoto

La partenza del Triathlon di Lavarone.

Tri Week Lavarone 2019: il triathlon Cross di Lavarone

Quest’anno sarà finale di Circuito Cross italiano: la gara, denominata “X33kman”, si svolge nei boschi intorno al lago di Lavarone.

Dopo circa 1000 metri a nuoto si inforca la mountain bike per un giro unico di circa 25 km e 750 metri dislivello. Il percorso è filante, privo di salite impegnative, ma presenta un fondo sconnesso e molti tratti su sentiero tecnici e divertenti in comune con la famosa tre giorni di mountain bike “100 km dei forti”: vera mountain bike insomma.

Nonostante i danni provocati dal maltempo della tempesta “Vaia” dell’ottobre scorso i volontari sono riusciti a garantire il consueto divertente percorso.

La frazione di trail running si svolge in tre giri sul Monte Rust alle spalle del lago. In questo caso in puro stile “cross” non manca il dislivello (circa 290 metri D+) e il fondo sconnesso: obbligatorie le scarpe da fuoristrada.

Nel 2018 ha vinto  il forte junior Filippo Pradella, poi vincitore dell’argento ai Campionati Europei di Cross Triathlon a Ibiza. In campo femminile pirma Sandra Mairhofer.

Come tutti gli anni viene data la possibilità a staffette composte da un nuotatore, un biker e un runner di competere nella speciale classifica a loro riservata, sia maschile, sia femminile o mista.

Nel 2018 per esempio tra i nuotatori presenti nelle squadre ha primeggiato la forte fondista azzurra Arianna Bridi, a suo agio anche con la muta nelle fredde acque del lago; sì perché non ci crederanno i triathleti, ma i nuotatori “veri” prediligono nuotare senza muta!

Apertura segreteria in zona Gionghi presso la locale APT dalle 8:30 di domenica; zona cambio (T1/T2) aperta dalle 9:30 alle 11:00, a seguire briefing tecnico e poi alle 11:30 di domenica 1 settembre 2019 del “X33Kman”.

triathlon Lavarone Cross 2019

Particolare della zona cambio del Triathlon Cross di Lavarone.

La società organizzatrice: 33 Trentini Triathlon

“Trentatré trentini entrarono a Trento tutti e trentatré trotterellando…” è lo scioglilingua secondo solo forse a quello di Apollo con la sua palla di pelle: pare che sia il mantra che ogni iscritto al sodalizio debba recitare per l’ammissione!

La società, nata nel 2007, conta circa 150 soci e oltre che agonisticamente è impegnata nell’organizzazione di una prova giovanile di triathlon a Rovereto e, appunto, di questo doppio appuntamento nel lago di Lavarone.

L’evento ha raccolto l’eredità del triathlon olimpico di Lavarone che si è svolto per ben 19 stagioni. In precedenza la società si era impegnata nell’allestimento del triathlon cross sprint di Tenno, nelle acque del famosissimo laghetto poco a monte del lago di Garda.

Tri Week Lavarone 2019: informazioni logistiche e iscrizioni

Le iscrizioni sono già aperte e possibili fino al 27 agosto tramite i portale ENDU.NET.

Sono possibili sconti per squadre che iscrivono almeno 5 atleti oppure chi intenda partecipare a tutte e due le gare.

La segreteria organizzativa sarà presso gli uffici della locale APT a Gionghi, aperta dalle 8:30 di sabato.

Per arrivare a Lavarone ci sono tre modi:
-da nord lungo l’asse del Brennero; autostrada A22 fino a Trento Sud, poi seguire la SS349 fino a Lavarone;
-da sud lungo l’asse del Brennero; autostrada A22 fino a Rovereto Nord, poi sulla SP90 fino a Calliano e SS 350 fino a Lavarone passando per Folgaria;
-da est lungo la Val d’Astico; A31 fino a Piovene Rocchette poi SS350 fino a Lavarone.

Logistica Triathlon di Lavarone 2019

Logistica Triathlon di Lavarone 2019.

Cosa fare a Lavarone

Lavarone è un altipiano molto vasto ricoperto di boschi e solcato da chilometri di strade forestali e sentieri. La Grande Guerra ci ha lasciato numerose testimonianze come forti, trincee e installazioni che possono essere raggiunti comodamente a piedi o in bicicletta nella quiete ombrosa del bosco.

La località da anni ha sviluppato dei servizi particolari legati alla bicicletta con il nome di Alpe Cimbra Bike.

Tra i percorsi citiamo la Ciclopedonale di Luserna o i 100 km dei forti, la cui cartina esplicativa potete trovare presso la locale APT.

I più sfegatati potranno divertirsi presso il Bike Park di Lavarone. Un’ottima alternativa può essere la rilassante passeggiata lungo il sentiero “Il respiro degli Alberi”, con molte sculture realizzate con materiali lignei locali.

Sito web: Tri Week 2019
Referente: Giuseppe Bonmassar telefono: +39 3473319725
email: segreteria@33trentinitriathlon.com

A proposito dell'autore

Giuliano Giacomelli, ingegnere prossimo ormai al mezzo secolo di vita, insegna triathlon e mountain bike ai ragazzi trentini. La terra, l'aria e l'acqua (e naturalmente la neve) sono il terreno di gioco dei suoi sport preferiti.

2 Risposte

  1. alessandro bosio

    buongiorno
    chiedo scusa per le domande ma nell’eventualità partecipassi è il mio primo triathlon…
    gentilmente chiedevo:
    - ci saranno dei cancelli nelle tre frazioni (tempi da rispettare), se si possibile saperli?
    - possibile nuotare con la boa?
    - nella bici i 600mt di dislivello positivo sono sui 40km o ogni 10km?
    Ringrazio anticipatamente

    Rispondi
    • Giuliano Giacomelli

      Ciao,
      la prima domanda la giriamo al comitato organizzatore in quanto effettivamente nel regolamento tecnico di gara non è menzionato.
      Non è consentita la boa, ma in caso di muta (quasi sempre obbligatoria a Lavarone) non serve proprio. Il regolamento tecnico FITRI all’articolo 95.01 recita “I concorrenti non possono indossare altro che cuffia, occhialini, clip per il naso, costume di gara e muta (quando consentito)”.
      Il dislivello è sul totale dei 40 km, come sempre in questi casi.
      Buon allenamento!

      Rispondi

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata